Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

  • Home
  • News
  • Legge relativa agli apparati preregistrati contenenti richiami vietati.

Legge relativa agli apparati preregistrati contenenti richiami vietati.

CORTE DI CASSAZIONE PENALE, SEZIONE III, SENTENZA DEL 17 NOVEMBRE 2011, N. 42388: costituisce esercizio della caccia mettere in funzione un apparato preregisrato contenente richiami vietati. 

" In base alla disposizione di cui all'art. 21 lett. r) della legge n. 157 del 1992, sono vietati gli apparati a funzionamento elettromagnetico e, come già affermato da questa Corte, costituisce esercizio della caccua mettere in funzione un apparato preregistrato contenente richiami vietati, costituendo esso stesso atto diretto all'abbattimento della fauna selvatica, che con esso viene attirata (sez.3, n. 14242 dell'8/11/1999, Lorusso, Rv. 215014). Infatti la nozioe di esercizio di attività venatoria è ampia e comprende non solo l'effettiva cattura della selvaggina, ma ogni attività prodromica e preliminare, nonchè ogni atto che, dall'insieme delle circostanze di tempo e di luogo, renda evidente la finalità di esercitare la caccia (Cfr. Sez3, n. 18088 del 16/4/2003, Febl, Rv, 224732)."

RITENUTO IN FATTO

Il Tribunale di Brindisi, sez. distaccata di Mesagne, con sentenza del 15 giugno 2010 ha condannato alla pena di 300 euro di ammenda Taurino Giacomo, per il reato di cui all'rt. 30 c.1, lett. h) legge n. 157 del 1992 per avere esercitato la caccia con l'ausilio di un richiamo acustico di tipo vietato, posizionandolo in un campo, in San Pancrazio Salentino, il 14 2007;

L'imputati, tramite il proprio difensore, ha proposto ricorso per cassazione lamentando la violanzione degli artt. 606, lett. b) ed e), in riferimento all'rt 30 c.1, lett h) della citata L. 152 del 1992 e dell'art. 192 c.p.p., in quanto il Taurino è stato dichiarato colpevole anche se non era stato trovato in possesso di armi, e quindi mancherebbe qualnque nesso funzionale con lo svolgimento di un'attività venatoria, mentre il giudice aveva ritenuto senza alcun fondamento probatorio che l'imputato avesse collocato il richiamo acustico al fine di agevolare l'attività di caccia di terzi soggetti: 

Per continuare a leggere l'articolo ed approfondire l'argomento, consulta il sito dirittoambiente.net, facendo riferimento al seguente link:

http://www.simoline.com/clienti/dirittoambiente/file/animali_sentenze_130.pdf