Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

PETIZIONE PER UNA NUOVA LEGGE CONTRO IL MALTRATTAMENTO DI ANIMALI

I SOTTOSCRITTI CITTADINI, CONSIDERATO CHE:




    • Sono sempre più numerosi i casi di maltrattamento di animali: gatti squartati, bastonati, trucidati, cani bolliti vivi, impallinati o abbandonati, cavalli infilzati, canili lager gestiti dalla malavita o da individui senza scrupoli


  • Oggi in Italia chi maltratta, uccide, sevizia, tortura o abbandona un animale rischia una semplice contravvenzione


In Gran Bretagna, Francia, Stati Uniti ed altri Paesi europei il maltrattamento di animali è punito con pene molto più severe

 

  • La violenza è, in assoluto, una cosa spaventosa: soprattutto se rivolta a chi non può difendersi

CHIEDONO


AL GOVERNO ITALIANO DI APPROVARE LA PROPOSTA DI LEGGE di modifica dell’art. 727 del Codice Penale "Maltrattamento di animali" affinché chi incrudelisce verso gli animali o li sottopone a sevizie o li abbandona venga punito con la reclusione da 6 mesi a 2 anni e con la multa da 1.000 a 5.000 Euro.

IL TESTO DELLA PROPOSTA DI LEGGE


ART. 1


"Chiunque incrudelisce verso animali domestici o addomesticati o tenuti in cattività o li sottopone a strazio o sevizie, ovvero li adopera in giuochi, spettacoli o lavori insostenibili per la loro natura, o li detiene in condizioni incompatibili con la loro natura o li abbandona, è punito con la reclusione da sei mesi a due anni e con la multa da € 1.000,00 a € 5.000,00.


Se il fatto è commesso con mezzi particolarmente dolorosi, quali modalità del traffico, del commercio, del trasporto, dell’allevamento, della mattazione o di uno spettacolo di animali, o se causa la morte dell’animale è punito con la reclusione da un anno a tre anni e con la multa da € 2.500,00 a € 10.000,00: in questi casi la condanna comporta la confisca degli animali oggetto del maltrattamento, salvo appartengano a persone estranee al reato.


Nel caso di recidiva la pena è aumentata fino al triplo, e la condanna comporta l’interdizione dall’esercizio dell’attività di commercio, di trasporto, di allevamento, di mattazione o di spettacolo".



ART. 2


"Chiunque organizza o partecipa a spettacoli o manifestazioni che comportino strazio o sevizie per gli animali è punito con la reclusione fino ad un anno e con la multa fino ad € 500,00.


La condanna comporta la sospensione per almeno un anno della licenza inerente l’attività commerciale o di servizio e, in caso di morte degli animali o di recidiva, l’interdizione dall’esercizio dell’attività svolta".



ART. 3


"Qualora i fatti previsti negli artt. 1 e 2 siano commessi in relazione all’esercizio di scommesse clandestine la pena è aumentata della metà e la condanna comporta la sospensione della licenza di attività commerciale, di trasporto o di allevamento per almeno ventiquattro mesi".


ART. 4


"Chiunque commette i fatti previsti agli artt. 1, 2 e 3, per colpa è punito con la reclusione fino a nove mesi e con la multa fino a € 500,00".



ART. 5


"L’art. 727 del Codice Penale è abrogato all’atto dell’entrata in vigore della presente legge, così come qualsiasi altra disposizione incompatibile".




(*) Se non desidera ricevere informazioni sulle nostre attività barri con una X la casella a destra, dopo la firma. Ricordiamo che, ai sensi della Legge 675/96, le informazioni fornite saranno trattate elettronicamente solo per le finalità degli Animalisti Italiani-PeTA. Si potrà in ogni momento rivolgersi agli Animalisti Italiani per consultare, modificare, opporsi al trattamento dei dati.



Modulo da restituire a: ANIMALISTI ITALIANI-PeTA – Via degli Ontani 32 – 00172 ROMA


Tel 06.23.23.25.69 - Conto corrente postale: 99787004 Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. Il modulo può essere