Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

Test di comportamento per la scelta del cucciolo

Indipendentemente dall’età o provenienza, si dovrebbe cercare di avere un animale, specie se è un cane, ben educato. Ogni persona che ha intenzione di prendere un animale da compagnia dovrebbe aderire ai seguenti 10 principi basilari per un possesso responsabile degli animali:

  • Fornire all’animale cibo, acqua e un riparo
  • Fornire all’animale un ambiente di vita sicuro
  • Dispensare all’animale appropriate cure sanitarie
  • Rispondere alle necessità sociali ed emozionali dell’animale
  • Garantire all’animale fasi regolari di esercizio e gioco
  • Garantire all’animale un’educazione di base
  • Garantire all’animale igiene e pulizia
  • Sterilizzare o castrare l’animale
  • Mantenere buoni rapporti con il vicinato e l’intera cittadinanza: ciò significa che l’animale deve essere identificato mediante una targhetta, permessi di detenzione, o un sistema di identificazione permanente (microchip) e i clienti dovrebbero pulire dopo che i propri animali hanno sporcato
  • Garantire il sostentamento dell’animale per la sua vita intera

cucciolo2Fermo restando e dato per scontato che il cliente abbia già scelto la razza che desidera e che tutti i membri della sua famiglia siano d’accordo, il momento migliore per prendere un cucciolo e portarselo a casa è a 7 settimane di età, certamente non prima di 6 e non dopo le otto settimane. I disaccordi nell’ambito familiare causati dall’arrivo di un nuovo cucciolo hanno notevole importanza, in quanto costituiscono uno dei principali fattori per l’insorgenza di problemi comportamentali nel cucciolo stesso.

Per sottoporre un’intera cucciolata di 10-12 soggetti al TEST DI COMPORTAMENTO è necessaria più di un’ora, ma è tempo ben speso se si pensa che è in gioco l’intera vita del cane che si vuole scegliere come compagno.

Prima cosa da fare al momento dell’applicazione del test è di portare ciascun cucciolo separatamente in un’area isolata a lui nuova e con meno distrazioni possibili.

I cuccioli devono essere maneggiati con dolcezza e, nel corso del test non bisogna parlar loro né per incoraggiarli né per lodarli. Se il soggetto dovesse urinare o defecare durante il test non se ne deve tener conto perché la cosa è abbastanza comune. E’ inoltre opportuno pulire solo dopo che il cucciolo è stato riportato nella cucciolata.

Descriverò ora le 5 parti in cui è suddiviso il test, precisando il significato e le modalità di esecuzione di ciascuna di esse:bianco

  1. Attrazione sociale: appena entrati nell’area destinata al test mettete delicatamente il cucciolo nel centro del recinto, allontanatevi di alcuni metri nella direzione opposta dove è situata la porta o il cancello del recinto, piegatevi sulle ginocchia e battete piano le mani per attirare il cucciolo verso di voi. La prontezza con la quale il cucciolo viene verso di voi, con la coda alta o bassa, o se non viene affatto, rivelano il grado di attrazione sociale del cucciolo, la sua fiducia o la sua dipendenza sociale.
  2. Attitudine a seguire: partendo da un punto vicino al cucciolo allontanatevi da lui con passo normale. La prontezza con la quale il cucciolo vi segue (sorvegliatelo attentamente mentre camminate) rivela il grado della sua attitudine a seguire. Se il cucciolo non vi segue affatto significa che è piuttosto indipendente. In ogni caso, però, prima di classificarlo come un tipo indipendente, accertatevi che il cucciolo veda effettivamente che vi allontanate.
  3. Risposta alla costrizione: abbassatevi sulle gambe, rovesciate leggermente il cucciolo sulla schiena e costringetelo in questa posizione per circa 30 secondi con una mano sul petto. Il vigore con il quale il cucciolo si ribella o la prontezza con la quale accetta tale posizione indicano rispettivamente il grado di tendenza a dominare o a sottomettersi in rapporto alla dominanza fisico-sociale.
  4. Dominanza sociale: chinatevi e accarezzate dolcemente il cucciolo cominciando dalla testa e andando verso il collo e la schiena. Il fatto che il cucciolo accetti o non accetti le vostre carezze è indicativo del suo grado di accettazione o di non accettazione della vostra dominanza sociale. I soggetti di tipo estremamente dominante cercheranno loro di dominare l’esecutore del test saltandogli addosso e persino mordendolo o ringhiandogli contro. In analoghe circostanze il cucciolo che ha soltanto un carattere indipendente si limiterebbe ad andarsene via. In ogni caso, continuate ad accarezzare il cucciolo fino a quando si evidenzi un comportamento chiaramente interpretabile.
  5. Dominanza mediante sollevamento: chinatevi sul cucciolo, afferratelo sotto la pancia con le dita intrecciate e le palme delle mani rivolte verso l’alto, sollevatelo a non più di una spanna dal suolo e tenetelo così per circa 30 secondi. In tal modo il cucciolo viene a trovarsi in una posizione di cui non ha assolutamente nessun controllo, ma nella quale è sotto il controllo completo di chi esegue il test. La prontezza con cui accetta o non accetta questa situazione indica fino a quale punto riconosce la vostra dominanza.

A questo punto, indipendentemente da come si è comportato, il cucciolo deve essere accarezzato e lodato e rimesso nella cucciolata. Per ottenere informazioni precise e comparative sulle loro tendenze comportamentali, tutti i cuccioli devono essere sottoposti al test esattamente nella stessa maniera.

Dall’osservazione dei singoli atteggiamenti, a proprio giudizio, il cliente dovrà attribuire ad ogni risposta una lettera corrispondente al tipo di temperamento. (md = molto dominante, d = dominante, s = sottomesso, ms = molto sottomesso, i = inibito), ottenendo così un resoconto globale del comportamento sociale di ciascun soggetto, al fine di realizzare una scelta, la più mirata possibile, in relazione alle proprie esigenze personali e familiari.

Dr. Vincenzo Menniti