Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

UN COLORE PER OGNI SITUAZIONE

UN COLORE PER OGNI SITUAZIONE

Significato del mimetismo nei camaleonti

Il camaleonte è un rettile molto curioso ed affascinante, si può trovare in tutti gli stati africani, nel sud Europa, e negli stati meridionali dell'Asia. Grazie alle proprie caratteristiche ha da sempre attirato su di sé l'attenzione dell'uomo. E' un animale curioso ed affascinante e ne esistono moltissime specie diverse. Una delle caratteristiche più note del camaleonte è proprio il suo mimetismo e la possibilità di cambiare colore.

La prima cosa da sapere è che non tutte le specie di camaleonte hanno questa possibilità, o meglio, non in tutte le specie è così evidente la variazione di pigmento. I camaleonti cambiano colore non solo per proteggersi e per adattarsi all'ambiente, ma anche per comunicare con i propri simili. Di solito il cambiamento di colore è accompagnato da movimenti che completano un complesso rituale di comunicazione interspecie per la protezione del territorio e per l'accoppiamento.

cam1
Anche in caso di animali stressati oppure malati si può riconoscere un evidente cambiamento della livrea dell'animale. Quindi la colorazione del camaleonte può dipendere dal suo stato d'animo, dall'intensità della luce, dalla temperatura e persino dal momento della giornata. Inoltre ogni specie, ha le sue caratteristiche colorazioni e range di sfumature. In genere un animale di colore scuro è ad una temperatura bassa (scurisce la livrea per catturare i raggi del sole), oppure è stressato. Un animale dal colore chiaro ha una temperatura alta.

Il cambiamento del colore avviene per una migrazione di un pigmento scuro, detto melanina dagli strati più profondi della cute agli strati superficiali. I pigmenti migrano nelle cellule pigmentarie chiamate melanofori, che più vengono riempite più scure diventano. La colorazione base degli animali è data dalle cellule pigmentarie, cromatofori, nella parete più superficiale della cute al di sopra dei melanofori e contengono dei pigmenti gialli o rossi.

cam2
Nei rettili in generale il colore verde o blu non esiste come vero pigmento, ma viene prodotto da un altro tipo di cellula chiamato guainoforo che contiene una sostanza semicristallina detto guaina. La guaina e una sostanza incolore ma ha la capacità di riflettere la luce in maniera tale da farla apparire blu. Se negli strati più superficiale della cute al di sopra dei guainofori si trovano i cromatofori con i pigmenti gialli, allora il colore che appare è il tipico verde che si trova in tanti tipi di rettili.

Infine, si può aggiungere che la colorazione dei camaleonti è data da un' interazione dei cromatofori con i melanofori, e che varia con la migrazione della melanina. La migrazione della melanina dipende dall'energia proveniente dal sistema nervoso, ed è per questo che in caso di malattia viene a mancare la migrazione e l'animale appare pallido oppure in caso di un eccessivo stato di stress l'animale tende a diventare più scuro.

Kiumars Khadivi

cam3