Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

L'alimentazione del cavallo sportivo

L'alimentazione del cavallo sportivo

Il cavallo é un atleta e per produrre massimi risultati deve essere nutrito e allenato in modo appropriato. Una corretta alimentazione implica più che un semplice calcolo delle sostanze nutritive essenziali. Il proprietario accorto non solo somministra queste sostanze, ma lo fa proponendole nella forma piu idonea ed con la frequenza necessaria.

La dieta migliore per il cavallo é rappresentata dal pascolo, coltivato con le erbe appropriate e privo di piante infestanti, ma alle nostre latitudini questo tipo di alimentazione é possibile soltanto per un breve periodo dell'anno e comunque presuppone la disponibilità di spazi idonei. L'alimentazione viene quindi gestita normalmente utilizzando fieno, vari tipi di cereali e mangimi specifici. L'avena, l'orzo , il granoturco (il più energetico di tutti) vengono normalmente assimilati meglio se "schiacciati"o "fioccati" e vanno utilizzati in base al fabbisogno energetico del soggetto. I concentrati, o mangimi, contengono i cereali e i loro derivati di alto valore energetico o proteico, trattati e presentati in vario modo (pellettati o fioccati) con aggiunta di vitamine e sali minerali. Altri alimenti come carote, mele, polpa di barbabietole, carrube,crusca, inoltre possono entrare a far parte della razione. Il cavallo necessita di un costante apporto di sale (cloruro di sodio o sale da cucina) che dovrebbe essere sempre lasciato a disposizione in rulli o in grani; sarebbe preferibile utilizzare sale a cui vengono aggiunte tracce di iodio,ferro, rame,cobalto,manganese,zinco e selenio.

Sebbene i cavalli utilizzino il fieno piu efficacemente degli altri animali non ruminanti come polli o conigli, la struttura del suo tratto digerente limita la sua abilità in confronto a quella dei ruminanti. La parte dove avvengono le fermentazioni nel cavallo è il grosso intestino con il cieco, dove un gran numero di microorganismi digeriscono la cellulosa, utilizzano azoto proteico o non proteico e sintetizzano alcune vitamine. I cavalli rendono al meglio quando nutriti con regolarità e, a causa della loro limitata capacità nell'assumere grandi quantità di foraggio alla volta per via del piccolo stomaco, hanno bisogno di essere alimentati frequentemente. Per un cavallo da campagna o da concorso questo significa 3 o piu volte al giorno ed il concetto di" poco e spesso" é sempre valido.

Un cavallo non dovrebbe mai lavorare a stomaco pieno, e se vengono somministrati 3 pasti al giorno la razione di foraggio dovrebbe essere divisa tra mattina e sera e offerta almeno 1 o 2 ore prima del lavoro. La razione di mezzogiorno dovrebbe essere leggera e in questo senso sono sufficienti 0,5-1,5 di cereali. Un'alternativa a questo schema potrebbe essere 1/4 della dose di foraggio al mattino un altro quarto a mezzogiorno e la restante meta' alla sera. L'acqua deve sempre essere a disposizione dell'animale tenendo conto che un cavallo ne assume mediamente 30 litri al giorno con notevoli aumenti di consumo nella stagione calda. Ai soggetti accaldati bisogna dare solo piccole quantita' di acqua fino a quando non si siano asciugati. A causa della marcata sensibilità dei cavalli alle tossine presenti nel cibo ammuffito o andato a male, tutti i cereali e i fieni dovrebbero essere di ottima qualità e privi di muffe. L'alimento dovrebbe essere conservato ad una umidità inferiore al 15% e mossi ogni 2 mesi per evitare la formazione di muffe. Allo stesso modo si dovrebbero eliminare gli alimenti polverosi per la loro tendenza a far insorgere o ad aggravere problemi respiratori.

Un'altra buona regola è quella di immergere in acqua il fieno, scrollando successivamente l'eccesso di liquido, subito prima della somministrazione. Le differenze individuali nei fabbisogni di ogni soggetto rendono difficile una generalizzazione sulla quantità di razione da somministrare, soprattutto per cavalli in attività agonistica intensa (galoppo, trotto), cavalle gravide o in lattazione, puledri in svezzamento o in accrescimento dove sono richieste diete ed integrazioni particolari. Le regole seguenti sono una guida indicativa, ma non si potrà mai prescindere da una osservazione attenta ed un giudizio caso per caso. -Cavalli con lavoro leggero: circa 0,5 kg di concentrato (o 0,25 di cereali) e 1,5 di fieno ogni 100 kg di peso corporeo. -Cavalli con lavoro moderato: circa 1 kg di concentrato (0,50-0,75) di cereali) e 1,25 di fieno per 100 kg di peso corporeo. -Cavalli con lavoro intenso: circa 1,5 di concentrato ( 1-1,25 di cereali) e 1kg di fieno per 100 kg di peso corporeo.

Dott.Andrea Brignolo