Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

Preferenze sociali nei pesci

zebrafish

Lo zebrafish si rivela utile anche per lo studio del comportamento e dell'evoluzione sociale
Studiando lo zebrafish, un organismo modello ampiamente usato nelle analisi genetiche, alcuni ricercatori hanno scoperto che durante le interazioni sociali con gli altri pesci gli individui preferiscono uno schema di colori rispetto a un altro, basandosi sulle loro precedenti esperienze.


La ricerca, che estende l'utilità degli zebrafish agli studi del comportamento e dell'evoluzione sociale, è stata condotta da Raymond E. Engeszer, David M. Parichy e Michael J. Ryan dell'Università del Texas.
Il comportamento sociale degli animali è di grande interesse sia per i biologi che per gli psicologi. Il nuovo studio suggerisce che una conoscenza estesa della genetica degli zebrafish può offrire ai ricercatori l'opportunità di capire come geni, sviluppo e ambiente conducano ai comportamenti che mediano le interazioni sociali.

Gli investigatori hanno esaminato come i pesci scelgono le loro compagne durante la formazione di un branco. I pesci erano stati manipolati geneticamente in modo da presentare schemi di colori drasticamente differenti: blu con strisce dorate oppure un colore grigio uniforme. Inizialmente alcuni pesci sono stati allevati in vasche con individui dello stesso colore oppure del colore alternativo. Quando i pesci sono stati lasciati liberi di scegliere con chi associarsi, preferivano in gran parte lo schema di colori che avevano imparato a conoscere meglio, indipendentemente dal proprio colore.

Raymond E. Engeszer, Michael J. Ryan, David M. Parichy, Learned Social Preference in Zebrafish. Current Biology, Vol. 14, n. 10 (25 maggio 2004).

(Tratto da Le Scienze)