Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

L’ACQUARIO D’ACQUA DOLCE TROPICALE

Nell’acquario d’acqua dolce tropicale vengono allevate le specie ittiche che vivono nella zona dei Tropici a temperature che vanno dai 25 ai 30 gradi centigradi. L’acquario d’acqua dolce può avere due impostazioni differenti: una di tipo naturalistico e una di tipo ornamentale. L’impostazione naturalistica porterà alla realizzazione di quello che si definisce un "acquario biotopo" mentre l’impostazione ornamentale porterà alla realizzazione di un "acquario di comunità".

L’acquario biotopo vuole essere una fotografia vivente di un dato ambiente naturale, specifico di una particolare zona del mondo, un vero e proprio angolo di natura sommersa con pesci e piante provenienti dalla stessa area geografica. Seguendo questa filosofia sarà possibile ricreare in un angolo del proprio salotto un lago africano, una porzione del Rio delle Amazzoni o un canale di risaia dell’Asia sud orientale.
Nell’acquario di comunità vengono invece allevati pesci provenienti da diverse zone geografiche. Il fascino di un acquario di questo tipo risiede nella possibilità di poter riunire pesci di tutto il mondo. E’ possibile scegliere pesci che vivono sul fondo, a mezz’acqua e in superficie. Le specie più tipiche per un acquario di comunità sono allevate commercialmente nell’Asia sud orientale, in particolare a Singapore, a Taiwan e in Thailandia. La maggior parte di questi allevamenti produce pesci che si adattano bene ad un acquario di tipo "medio", ciò si traduce per l’acquariofilo in una grande adattabilità di questi pesci a qualunque tipo di acqua (non particolarmente dura o tenera) rendendoli particolarmente adatti per il principiante. E’ il classico acquario che l’acquariofilo neofita potrebbe realizzare in casa. Naturalmente bisogna sempre porre attenzione alla scelta degli esemplari, è infatti indispensabile allevare pesci pacifici solo con altri pacifici, tenere presente le dimensioni e informarsi della taglia che possono raggiungere.

Un esempio di acquario d’acqua dolce di comunita’
Abbiamo usato una vasca di dimensioni 90 x 45 x 40 centimetri contenente circa 160 litri d’acqua . La temperatura dell’acqua è mantenuta intorno ai 24 °C con un riscaldatore da 150 Watt. Il pH 7 con una durezza ideale tra 10 e 30 milligrammi per litro, l’acqua del rubinetto va bene purche’ non sia esageratamente dura. L’illuminazione si può ottenere con 2 lampade fluorescenti fitostimolanti. La filtrazione è biologica con cannolicchi e perlon. I pesci e le piante sono stati scelti non solo per la loro bellezza ma anche per la loro capacità di adattamento e robustezza. Un utilizzo creativo di piante, rocce e legni rende la vasca attraente e nello stesso tempo fornisce rifugi agli animali. Abbiamo introdotto pesci che nuotano a mezz’acqua e in superficie e quelli che si nutrono sul fondo. Per avere maggiori informazioni potete cliccare sul pesce e leggere la scheda.

acquario_comunita