Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

MANX

manxQuesta razza nasce sull’isola di Man, una piccola isola tra l’Inghilterra e l’Irlanda. La caratteristica principale di questo felino è la mancanza di coda, carattere comparso a causa di una mutazione genetica spontanea e che si è conservato per i ripetuti incroci tra consanguinei, inevitabili in uno spazio ristretto come quello di un’isola.

E' un gatto di medie dimensioni, con forme arrotondate e corpo muscoloso. Nel complesso appare massiccio e compatto. Le orecchie sono di grandezza media, più larghe alla base e presentano peluria all’interno. Gli occhi sono tondi, inseriti leggermente obliqui, in tinta con il mantello. Caratteristiche tipiche del gatto di Manx sono l’assenza di coda e le zampe posteriori più lunghe delle anteriori, particolare che gli conferisce una camminata simile a quella della lepre. E’ ammessa la presenza di una coda rudimentale.

In particolare, in base alle vertebre presenti nella colonna vertebrale si possono distinguere quattro varietà di Manx:

Il Rumpy: completamente privo di coda;

Il Rumpy Riser: possiede da uno a tre vertebre sacrali;

Lo Stumpy : possiede da uno a tre vertebre caudali;

Il Longy : possiede una coda normale o nodosa.

Il pelo si presenta corto, fine ma soprattutto fitto, come anche il sottopelo. Sono ammessi tutti i colori. Recentemente è stata introdotta una nuova varietà di Manx che presenta pelo abbastanza lungo: il Cymric.

E' molto attivo e vivace, ma anche fedele e molto intelligente, tanto che è possibile insegnargli a camminare con il guinzaglio e alcuni comandi di obedience. Particolarità: è una razza abbastanza rara. E’ impossibile un incrocio fra due Manx varietà Rumpy poiché a causa di un gene letale l’animale non sopravvive.