Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

IL CAVALLO ARABO

cavallo-araboL’origine del cavallo arabo è antichissima ed è pressoché impossibile ricostruire la sua storia. Probabilmente discende da un antenato selvatico che viveva nella penisola arabica fin dall’era glaciale. Gli scritti più antichi in cui vengono citati cavalli provenienti dall’Arabia meridionale risalgono al 400 a.C. Nel corso dei secoli gli arabi hanno perfezionato questa razza, ottenendo così un cavallo molto versatile. Il clima, l’alimentazione e una dura selezione (sia naturale che artificiale), hanno contribuito alla creazione di un cavallo dalle doti eccezionali. Infatti solo cavalli estremamente frugali, resistenti e veloci potevano sopravvivere alle condizioni di vita imposte dal clima e dalla convivenza con un uomo feroce e aggressivo come il beduino che abitava questi spazi sconfinati. Queste tribù di Beduini vivevano in continuo stato di guerra con altre tribù, quindi dopo violente lotte seguivano fughe precipitose. Il cavallo era un inseparabile compagno della loro vita avventurosa; privilegiavano però la giumenta, considerata più resistente e garante una possibile discendenza rispetto agli stalloni e in grado di assicurare il continuo possesso di una cavalcatura. Tutto ciò determinava una vita ai limiti della sopravvivenza, nella quale solo i più forti potevano sopravvivere. Le condizioni di vita di questi cavalli potevano portare o all’estinzione della specie o a un suo continuo miglioramento. Il fanatismo dei beduini per la purezza dei loro cavalli, li preservò da apporti di sangue straniero, producendo i meravigliosi risultati che oggi possiamo ammirare. L’arabo è il primo miglioratore di tutte le razze europee ed è stato determinante alla creazione del purosangue inglese. I migliori allevamenti si trovano in Polonia, Svezia, Francia, Inghilterra, Spagna, Stati Uniti, oltre che nei Paesi del Medio Oriente.

Si tratta di un cavallo di tipo mesomorfo con altezza al garrese compresa tra i 145 e i 155 centimetri e un peso di 380 %0 chilogrammi. Ha una testa di inconfondibile bellezza, un profilo camuso, la fronte è larga e bombata, occhi grandi ed espressivi, le orecchie sono ben piantate e distanziate fra loro: piccole e appuntite nel maschio, sono invece un po’ più lunghe nella femmina. Le narici sono grandi, sottili e ben distinte, con grande capacità di dilatazione, sempre in movimento come del resto lo sono gli occhi e le orecchie. Il muso è piccolo con labbra sottili. Il profilo della zona del naso e delle labbra è triangolare in modo evidente e caratteristico: il primo angolo è formato dalla punta dell’orlo del naso, il secondo dalla punta della punta del labbro superiore e il terzo dalla punta del mento. Il labbro inferiore è più corto di quello superiore. Le ganasce , pur non essendo pesanti, sono robuste , soprattutto molto aperte da lasciare spazio alla respirazione. L’incollatura, la gola, il collo, formano un altro insieme molto tipico e di grande bellezza. Il garrese è piuttosto prominente. Il dorso è robusto e largo, mentre le reni sono corte e muscolose, la groppa è alta, lunga e orizzontale; la coda, piuttosto corta, è portata alta e lontana dal corpo con grande eleganza. La spalla è lunga e ben inclinata. L’omero è lungo e verticale, ben avvolto da muscoli potenti, le ginocchia larghe e piatte, i cannoni sono forti e robusti con buona circonferenza. Il pastorale è relativamente corto ed elastico, il piede è grosso e rotondo con una buona unghia. Il posteriore è ben conformato e costituisce un propulsore di prim’ordine. I garretti sono netti, di bella forma , grandi e bassi con tendini ben distaccati e legamenti solidi. Questo cavallo concentra in se’ tutte le qualità ricercate in ogni razza e tipo di cavallo e per questa ragione viene considerato ed utilizzato come miglioratore. Anche le razze più specializzate che differiscono molto dagli standard del Purosangue Arabo traggono benefici e miglioramenti dall’apporto di questo sangue, che conferisce loro più finezza alle forme, maggiore intelligenza e nevrilità. Attitudini: Come abbiamo visto, il cavallo Arabo possiede innumerevoli doti (apprezzate in tutto il mondo) e che hanno reso questo animale un compagno perfetto per discipline equestri assai diversificate.

Gli Show: gare di questo tipo sono numerose e ben organizzate in tutto il mondo. L’eleganza, la nobiltà dei magnifici esemplari che concorrono risultano evidenti e chiare anche alla parte di pubblico meno esperto. È stupendo vedere simili animali, condotti semplicemente a mano, correre nella arena dimostrando a pieno quelle che sono le caratteristiche tipiche della razza a cui appartengono. È chiaro che gli esemplari partecipanti a gare di morfologia devono possedere una genealogia impeccabile, l'iscrizione ai registri ufficiali del cavallo arabo. Sarà compito di un’esperta giuria osservare e assegnare un punteggio ai singoli concorrenti. L'osservazione dei giudici punterà essenzialmente sulla tipicità, sull'incollatura, sull'armonia, sugli arti, sul movimento dei soggetti al fine di decretarne il migliore.

Il suo mantello può presentare colori differenti : baio, grigio, sauro e morello. Può presentare segni in fronte e balzane più o meno alte. Il mantello morello è molto particolare: era il preferito da principi e re ed è sotto il controllo di due geni. È veramente raro trovare un soggetto omozigote, non inquinato da altre sfumature. Il colore del mantello, in generale, è il risultato di 11 elementi indipendenti che interagiscono con altri 11 processi per determinare i tipi e le sfumature finali di colore. Il colore di base del mantello del cavallo deriva dalla presenza di due pigmenti presenti nel pelo: l’eumelanina, che produce il nero e in alcuni casi il marrone scuro, e la fenomelanina , che produce il rosso, il marrone chiaro e il giallo. Il baio è il colore più comune ed è considerato dominante, anche se questi cavalli presentano punti neri, quali coda e criniera. La razza Araba presenta un certo tipo di marrone scuro che spesso nasconde il gene del nero. Il colore più raro è proprio il nero e la sua varietà più rara è un cavallo nero omozigote, cioè geneticamente puro. L’individuo nero eterozigote, sarà anch’esso nero ma portatore del gene recessivo del castano, che viene mascherato dal gene nero. L’Arabo nero omozigote produce spesso un puledro baio, ma è un baio molto scuro, con totale assenza delle sfumature rosse.

(Tratto da BIOINFOVET)