Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

HORSES - ORIGINI

ORIGINI

Il cavallo è un erbivoro appartenente alla classe alla classe dei mammiferi   ordine ungulati, sottordine perissodattili, famiglia equidi, genere   equus, specie caballus.
I perissodattili sono quadrupedi i cui arti poggiano su di un solo dito, il   medio, protetto da una robusta unghia che prende il nome di zoccolo.
L'evoluzione che ha portato alla formazione definitiva della specie attuale   è avvenuta, partendo dallo inizio del periodo terziario, nel corso dei   sessanta milioni di anni. Attraverso una lunga serie di forme estinte, di cui   si trova testimonianza nei resti fossili rinvenuti negli strati geologici corrispondenti   alle varie ere e ai vari periodi, si è giunti alla fissazione della specie   caballus.
L'evoluzione della specie è stata accompagnata e caratterizzata da profonde   modificazioni nella statura, nella conformazione dei denti molari e nella struttura   degli arti. Per quanto riguarda la statura si è passati gradualmente   da soli 30 centimetri alla statura attuale. I denti molari hanno acquistato   progressivamente forma prismatica con rilievi dello smalto sempre più   marcati.
Ma la trasformazione più importante è senza dubbio quella riguardante   la riduzione del numero delle dita: inizialmente erano presenti quattro dita   negli arti anteriore e tre nei posteriori, in seguito si è passati a   tre dita di cui uno solo poggiava a terra e infine l'equus caballus presenta   un unico dito e le vestigia degli altri ormai atrofizzati e rappresentati dai   metacarpi accessori ai posteriori e dalle castagnette a tutti e quattro gli   arti.
L'evoluzione di cui abbiamo accennato si è sviluppata in prevalenza nel   continente americano, ma nel corso della stessa si è avuta una serie   di migrazioni che ha portato alla diffusione dei vari preequidi nel continente   eurasiatico.
Alla fine del Pleistocene i cavalli sono scomparsi dall'America per cause imprecisate.Possiamo   comunque affermare che tutte le razze equine dei nostri giorni risalgono e tre   ceppi principali, appartenenti a una sola specie: il Tarpan, cavallo selvaggio   delle steppe dell'Europa orientale ora estinto; il cavallo della Mongolia e   il cavallo dell'Europa centrale che fu il primo a scomparire. Dai primi due   si ritiene discendano le razze di tipo dolicomorfo e mesodolicomorfo, come per   esempio il cavallo Arabo; dal terzo deriverebbero le razze di tipo brachimorfo,   da tiro pesante, dell'Europa centrale e settentrionale.