Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

CHOW CHOW

chow-chow-boxLe sue origini sono antichissime; questa razza era già conosiuta nell'XI secolo in Cina, anche se gli esemplari erano di dimensioni decisamente maggiori rispetto a quelli attuali. Erano cani coraggiosi, utilizzati dalla popolazioni barbare del nord della Cina durante le guerre. Molti particolari lo rendono unico: la folta pelliccia gli conferisce un aspetto leonino; possiede una lunga lingua bluastra e cammina sollevandosi sulle zampe, come se usasse dei trampoli. La sua altezza minima è di crica 45 cm, ma l'aspetto generale deve risultare arminioso; questo è quello che conta di più in gara.

Il cranio è largo e piatto; gli occhi sono molto distanziati, piccoli e leggermente a mandorla. Il tartufo è preferibilmente nero, anche se negli esemplari a pelo fulvo è ammesso in tinta col mantello. Lingua, labbra e palato sono neri-bluastri. Le orecchie sono piccole, tonde e portate diritte. Il corpo è corto, compatto. Le zampe sono diritte e i piedi sono piccoli e tondi. La coda è attaccata in alto e viene portata riversa sulla schiena. Il pelo è molto folto, con abbondante sottopelo lanoso. Negli esemplari a pelo fulvo, nero o bluatro è ammesso il colore uniforme, menre negli esemplari color crema e bianco sono ammessi ciuffi più chiari sulla coda e sulle cosce.

E' un cane tranquillo, non invadente, leale con il padrone e molto equilibrato. Fin dalle origini sono stati utilizzati come cani ca caccia, per la guardia e per trainare le slitte. Oggi viene anche apprezzato come cane da salotto. Presso alcune popolazioni asiatiche è considerato un cibo prelibato da riservare per le grandi occasioni, come spesso accade per i pranzi nuziali. Viene anche allevato per la sua pelliccia, che viene poi venduta sui mercati europei con svariati nomi che ne comprono le origini.