Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

MASTINO NAPOLETANO

mastino-napoletanoSono animali antichissimi, tanto che le origini vanno ricercate nel secondo millennio avanti Cristo, nel sud Italia. Pare che i Fenici li abbiano portati nel bacino mediterraneo dal lontano Tibet, dove ancora oggi si trova una specie di mastino molto simile. Fecero la loro prima apparizione in una mostra canina solo nel 1946.

Si nota per la sua mole molto importante e la costituzione forte e robusta. La statura media nei maschi di 70 centimetri e nelle femmine 65, con peso variabile da 50 a 70 chilogrammi. Cranio corto e largo, massiccio, pelle abbondante con rughe e pliche. Tartufo grande di colore diverso a seconda del mantello. Labbra spesse, abbondanti e pesanti, mandibole forti, denti "a tenaglia". Occhi tondi, con pelle sopracciliare abbondante, iride in tinta col mantello. Orecchie piccole, triangolari: se lasciati interi sono pendenti aderenti alla guancia. Collo tozzo, muscoloso, con giogaia. Corpo leggermente più lungo rispetto all’altezza, dorso largo, con muscolatura sviluppata, come pure quella degli arti. La coda, se non amputata, è "a scimitarra" cioè cade fino ai garretti e poi fa un uncino.

Il pelo si presenta corto, denso, liscio, fine, mai più di 1 cm e mezzo. I colori sono nero, piombo, grigio con piccole macchie bianche su petto e dita, mogano, fulvo, con possibile tigrato. Ha un carattere vigoroso, coraggioso, equilibrato perciò docile e non aggressivo.

E' un cane da guardia, da difesa di beni e persone.