Questo sito web utilizza cookies per migliorare la tua navigazione e servirti un servizio personalizzato. La navigazione sul nostro sito ne comporta l'accettazione. Per cambiare la configurazione o ottenere ulteriori informazioni, ti invitiamo a prendere visione della nostra Cookie Policy.

IL SITO E' IN MANUTENZIONE, NON VI PREOCCUPATE SE SI SPAGINA, SIAMO AL LAVORO PER VOI

PASTORE TEDESCO

pastore-tedesco

FCI Standard N° 166 / 30.08.1991 CANE DA PASTORE TEDESCO
ORIGINE: Germania
DATA DI PUBBLICAZIONE DLELO STANDARD ORIGINALE VIGENTE: 23.03.1991
UTILIZZAZIONE: Cane di utilita, cane da pastore e cane di servizio polivalente
CLASSIFICAZIONE F.C.I. Gruppo 1 Cani da pastore e bovari (escluso i Bovari Svizzeri)
Sezione 1 cani da pastore; Con prova di lavoro.

BREVE CENNO STORICO Lo standard e stabilito ufficialmente dall’Associazione per il Cane da Pastore Tedesco (SV) con sede ad Augsburg, membro della Societa Cinofila Tedesca(VDH) in qualita di Societa fondatrice della razza e responsabile per lo standard del Pastore Tedesco; redatto nel primo congresso a Francoforte il 20 settembre 1899 secondo le proposte di A.Meyer e di M. von Stephanitz , completato dalle aggiunte apportate dalla VI assemblea dei soci del 28 luglio 1901, dalla XXIII Assemblea tenutasi a Colonia il 17 settembre 1909, dalla Seduta del Consiglio direttivo tenutasi a Wiesbaden il 5 settembre 1930 e di quella del 25 marzo1961, e stato ristudiato dall’Unione mondiale delle Societa per il Cane da Pastore Tedesco, e deciso durante la seduta del WUSV il 30 agosto 1976; e stato ancora rielaborato e catalogato con decisione del 23/24 marzo 1991 dal Consiglio e dal Comitato Consultivo.
Il Cane da Pastore Tedesco, che inizio ad essere allevato in modo pianificato nel 1899, dopo la fondazione della Societa, e stato selezionato partendo da razze di cani da pastore esistenti nella Germania centrale e meridionale, con l’obiettivo di creare un cane di utilita capace di alte prestazioni. Percio e stato fissato lo Standard del Pastore Tedesco che contempla tanto le caratteristiche fisiche che quelle del temperamento e del carattere.

pastore-tedesco2CARATTERE: Il Pastore Tedesco è equilibrato, saldo di nervi, sicuro di sé, disinvolto e di indole buona. Deve essere altresì vigile e docile, per essere idoneo come cane da accompagnamento, da guardia, da difesa, di servizio e da pastore. Inoltre deve avere coraggio, combattivita e tempra.

TESTA:Proporzionata alla dimensione del corpo, né troppo tozza, né troppo leggera né troppo allungata, semplicemente ampia tra le orecchie. La fronte, vista davanti e di lato, appare solo leggermente ricurva, senza o con un solco mediano appena accennato. Le guance sono lateralmente leggermente arrotondate e non devono sporgere in avanti. Il cranio, visto dall’alto, si estende dalle orecchie verso il tartufo, restringendosi poco a poco uniformemente, con salto naso – frontale non molto accentuato, verso il muso lungo e asciutto che si presenta in forma conica con mascella superiore e mascella inferiore solidamente sviluppate. La larghezza del cranio deve corrispondere circa alla sua lunghezza: nei maschi è tollerato superare leggermente tale limite, nelle femmine restarne leggermente al di sotto. La bocca è potente, le labbra sono tese, asciutte e devono combaciare bene. La canna nasale diritta decorre quasi seguendo la linea di prolungamento della fronte.

DENTATURA: Deve essere sana, robusta e completa (42 denti, 20 nella mascella superiore e 22 in quella inferiore). Il Pastore tedesco ha una dentatura a forbice, cioè gli incisivi si uniscono a forbice. Le mandibole devono essere robuste e ben sviluppate affinché i denti siano collocati in profondità nelle gengive.

ORECCHIE: Sono di media grandezza, larghe alla base, attaccate alte, vengono portate dritte, rivolte nella stessa direzione e non una diversa dall’altra, terminano a punta ed hanno i padiglioni rivolti in avanti. Non vanno bene le orecchie tagliate o piegate. I cuccioli hanno orecchie pendenti durante il periodo della dentizione, fino al 6° mese e a volte anche per un periodo più lungo. In movimento o in posizione di riposo, molti cani rilassano le orecchie. Questo non è da considerarsi un difetto.

OCCHI:Di media grandezza, a mandorla, leggermente obliqui e non sporgenti. Il colore è adeguato a quello del pelo, possibilmente scuro. Gli occhi mostrano un’espressione vivace, intelligente e sicura.

COLLO: È forte, con muscoli ben sviluppati, senza pelle floscia. Viene portato con un angolazione di circa 45° rispetto alla linea orizzontale, si drizza quando il cane è eccitato e si abbassa durante il trotto.

TRONCO:La lunghezza del tronco deve superare la misura del garrese. Il petto deve essere ben disteso, ma non troppo largo. La parte inferiore del petto possibilmente lunga e ben sviluppata. Costole ben formate e lunghe, si articolano allo sterno che arriva fino al gomito. Una gabbia toracica corretta permette ai gomiti movimenti liberi quando il cane trotta. Ventre moderatamente retratto. Dorso: compresi i lombi, diritto e solidamente sviluppato. Non troppo lungo tra garrese e groppa. Il garrese deve essere lungo ed abbastanza alto, ben accentuato rispetto al dorso. Lombi ampi, robusti e con buona muscolatura. Groppa lunga e leggermente inclinata (circa 23°).

CODA: Folta e pelosa, arriva circa fino al garretto e non deve sporgere oltre la meta del metatarso posteriore. Nella posizione di riposo, la coda viene portata pendente leggermente piegata ad arco, mentre quando il cane è eccitato, la curvatura si accentua e la coda si drizza, anche se non deve mai comunque superare la linea orizzontale. La coda quindi non deve essere portata dritta oppure ad anello sopra il dorso.

ARTI ANTERIORI: Scapole lunghe e inclinate (inclinazione di circa 45°) e aderenti. L’omero si chiude ad angolo quasi retto. Esso deve essere, come la spalla, robusto e ben muscoloso. Avambracci, deve essere diritto. Le ossa dell’omero e dell’avambraccio sono più ovali che rotonde. Metacarpo solido ma non troppo diritto (circa 20°).Gomiti né staccati né troppo aderenti. La lunghezza dell’arto deve superare la profondità del petto (circa 55%).

ARTI POSTERIORI: Cosce larghe con muscoli forti. Femore, visto di lato, obliquo rispetto la tibia, leggermente più lunga con la quale forma un angolo di circa 120°. L’angolazione corrisponde circa a quella anteriore, senza essere eccessiva. Garretto robusto e solido. Metatarso robusto con garretto ben netto. Il posteriore deve essere robusto e con buona muscolatura, per essere in grado di spingere il corpo del cane in avanti durante il movimento.

PIEDI: Arcuati corti, ben chiusi e raccolti. Pianta del piede durissima ma non ruvida. Unghie corte e forti, di colore scuro.

pastore-tedesco_trixiMANTELLO:
A) il cane Pastore Tedesco a pelo duro e compatto:

il pelo di copertura deve essere folto. Deve essere diritto, duro e ben aderente. Sulla testa, compreso l’interno delle orecchie, sulla parte anteriore degli arti, piedi e dita il pelo il pelo deve essere corto, sul collo invece più lungo e più folto. Sulla parte anteriore degli arti anteriori e posteriori il pelo si allunga fino al metacarpo o fino al garretto,mentre sulle cosce esso forma come dei calzoni. La lunghezza del pelo e variabile. È comunque difettoso il pelo troppo corto e morbido.

B)Cane da Pastore Tedesco a pelo lungo e compatto: ogni singolo pelo è più lungo, non sempre diritto e soprattutto non duro né troppo aderente al corpo particolarmente nell’interno delle orecchie, dietro le orecchie, sulla parte interna dell’avambraccio nella regione lombare i peli sono notevolmente più lunghi, nel senso che possono formare dei ciuffi alle orecchie e frange ai gomiti fino al metacarpo. I calzoni sulle cosce sono lunghi e folti. La coda e folta, con una leggera frangia in fondo. Il pelo lungo e compatto non è desiderabile in quanto non è resistente alle intemperie come il pelo normale, tuttavia se il sottopelo e sufficiente, viene permesso nella selezione, nella misura in cui la normativa di ogni paese lo consente. In Italia non è ammesso.

C) Cane da Pastore Tedesco a pelo lungo: il pelo è notevolmente più lungo che nel caso precedente, di solito molto morbido e si divide di regola sul dorso. Il sottopelo è presente solo nella regione lombare o addirittura inesistente. Nel caso di P.T. a pelo lungo si riscontra petto stretto e dentatura debole ed enognata. La resistenza alle intemperie e l’attitudine al lavoro sono notevolmente compromesse. Il P.T. a pelo lungo non è ammesso.

COLORE: Nero con focature regolari brune, gialle fino a grigio chiaro, con sfumature scure ( tracce nere su base grigia o bruno chiaro con relative focature chiare), nero, grigio unito oppure con focature chiare o brune. Sono ammesse piccole macchie bianche al petto o anche la parte interna dei fianchi molto chiara, non auspicabile. Il pelo di base è sempre leggermente grigio, tranne che nei soggetti neri. Il tartufo deve essere sempre nero.

PESO: Maschi: altezza al garrese da 60 a 65 cm – peso da 30 a 40 Kg; Femmine: altezza al garrese da 55 a 60 cm – peso da 22 a 32 Kg